Home arrow Il Cineclub arrow Anno 2016 arrow Cineclub del 07 Dicembre 2016: LA RAGAZZA SENZA NOME
Cineclub del 07 Dicembre 2016: LA RAGAZZA SENZA NOME PDF Stampa E-mail

ATTENZIONE!
I FILM DEL CINECLUB DI QUESTO MESE SARANNO PROIETTATI AL CINEMA KENNEDY.

La ragazza senza nome

Titolo originale:  La fille inconnue
Conosciuto anche come:   
Nazione:  Belgio
Anno:  2016
Genere:  Drammatico
Durata:  113'
Regia:  Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne

 

Jenny, giovane medico generico, si sente in colpa per non aver aperto la porta del suo studio a una ragazza che è stata ritrovata morta poco dopo. Nell'apprendere dalla polizia che l'identità della vittima non è nota, Jenny decide di scoprire di chi si tratti. Nella sua ricerca, risalirà lentamente alla verità.

Scritto e diretto dai fratelli Jean-Pierre e Luc Dardenne, La ragazza senza nome racconta la storia di Jenny, una giovane dottoressa che una sera, dopo aver terminato il suo lavoro, sente suonare alla sua porta e decide di non rispondere. Il giorno successivo, però, la polizia la informa che il cadavere di una giovane donna non identificata è stata trovata morta nelle vicinanze. Sentendosi come in colpa, Jenny inizia una personale indagine per scoprire l'identità della deceduta.

Con la direzione della fotografia di Alain Marcoen, le scenografie di Igor Gabriel e i costumi di Maïra Ramedhan LeviLa ragazza senza nome viene così presentato dai due registi in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Cannes 2016: «L'idea dell'investigazione è stato il nostro punto di partenza. Ci abbiamo pensato per diversi anni e in un primo momento avevamo pensato come personaggio principale a un poliziotto. Non volevamo però fare un film di genere e abbiamo allora optato per una doppia indagine: la dottoressa Jenny cerca ossessivamente sia di scoprire il nome della ragazza ritrovata morta e di cui nessuno sa niente sia di capire le ragioni del decesso, per cui si ritiene in parte responsabile. Jenny vuole arrivare a delle risposte per se stessa: si sente colpevole per non averle aperto la porta ma non cade mai nell'autocommiserazione e non punta il dito contro nessuno. Anzi, possiamo dire che man mano che la storia procede mostra quanta allegria ci sia nella sua personalità.

Jenny, interpretata da Adèle Haenel, si prende cura con attenzione dei suoi pazienti e ascolta i loro corpi. I suoi malati hanno un sacco di reazioni psicosomatiche: vertigini, mal di pancia, crisi epilettiche... il corpo risponde sempre per primo agli stimoli della mente e parla, esprimendo cose che non sempre si possono mettere in parole. Jenny si preoccupa della sofferenza dei suoi pazienti e cerca di guarirli anche mentre investiga sulla ragazza sconosciuta. Dopotutto, è sempre un medico e non un'agente di polizia.

All'inizio di La ragazza senza nome Jenny dice a Julien, il suo stagista, che deve essere sempre più forte delle sue emozioni. Ciò che avviene dopo contraddice però il suo consiglio. Come ogni medico, Jenny non dovrebbe fidarsi delle sue emozioni quando si tratta di emettere una diagnosi medica ma fa ricorso a esse quando interagisce con i pazienti e cerca di aiutarli... e anche mentre conduce le sue indagini.

A suo modo, anche Jenny è una ragazza sconosciuta. Di lei, del suo passato e della sua vita personale, non si sa molto. Non sentivamo il bisogno di soffermarci su di lei. Sappiamo solo che lascia il suo appartamento per trasferirsi a lavorare in periferia. Era più importante soffermarci sul fatto che è come "posseduta" dalla ragazza morta. Ovviamente, non parliamo di possessione soprannaturale ma di qualcosa di morale che definisce le sue scelte».

 

DATA: Mercoledì 07 Dicembre 2016
CINEMA: Kennedy - Matera
ORARI: 17:30 - 19:35 - 21:40
BIGLIETTO: € 4,00

 
cinergia