Home arrow Il Cineclub arrow Anno 2017 arrow Cineclub del 01 Marzo 2017: E' solo la fine del mondo
Cineclub del 01 Marzo 2017: E' solo la fine del mondo PDF Stampa E-mail

E' solo la fine del mondo

Titolo originale:  Juste la fin du monde
Conosciuto anche come:  It's Only the End of the World
Nazione:  Francia
Anno:  2016
Genere:  Drammatico
Durata:  95'
Regia:  Xavier Dolan

 

Dopo dodici anni di assenza, uno scrittore torna nel suo paese natale per annunciare alla famiglia la sua morte imminente. Ne conseguirà una riunione di famiglia in cui ci si professerà amore attraverso i soliti litigi, e in cui i risentimenti parleranno, pur non volendo, a nome delle incertezze e della solitudine.

Diretto, sceneggiato e montato da Xavier Dolan, È solo la fine del mondo riadatta una rappresentazione teatrale di Jean-Luc Lagarce per raccontare la storia di Louis, uno scrittore che dopo 12 anni di assenza torna al villaggio natale per annunciare alla sua famiglia la sua morte oramai prossima. Rimproveri e rancori si susseguono nel corso di un pomeriggio, in cui lotte e faide tra i familiari si snodano attraverso diatribe alimentate dalla solitudine e dal dubbio.

Con la direzione della fotografia di André Turpin, le scenografie di Colombe Raby e le musiche di Gabriel Yared, #È solo la fine del mondo viene così presentato dal regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Cannes 2016: «Sarà stato il 2010 o il 2011, non ricordo. Ma poco dopo J'ai tué ma mère ero con Anne Dorval, seduto al bancone della sua cucina, dove di solito passiamo tutto il tempo a parlare, riguardare foto o stare in silenzio. In quell'occasione mi ha raccontato di una pièce straordinaria che aveva avuto la fortuna di interpretare intorno all'anno 2000. Mi ha detto che mai aveva portato in scena un'opera pensata e scritta con un linguaggio di tale particolare intensità. Era convinta che dovevo assolutamente leggere il testo, che aveva conservato nel suo ufficio con tutte le annotazioni di dieci anni prima: note, posizioni di scena e altri dettagli scritti a margine.

Ho portato con me il testo stampato su carta di grande formato. La lettura si preannunciava esigente. Certo, non è stato proprio il colpo di fulmine che Anne mi aveva preannunciato. A essere onesto, ho provato sentimenti opposti, una sorta di disinteresse e forse avversione per il linguaggio. Guardavo la storia e i personaggi con un certo blocco intellettuale che mi ha impedito di amare la pièce tanto decantata dalla mia amica. Probabilmente ero troppo impaziente di rimettermi a lavorare a un nuovo progetto o troppo impegnato con altro per rendermi conto della profondità del testo a una prima lettura. Ho messo il testo da parte e non ne ho mai più parlato con Anne.

Dopo Mommy, ben quattro anni dopo la prima lettura, ho ripensato a quel testo con la copertina blu che avevo riposto in biblioteca sul ripiano in alto. Era così grande che superava di gran lunga gli altri libri e documenti tra cui stava quasi a testa alta, come se sapesse di non poter essere dimenticato a tempo indeterminato. All'inizio di quell'estate, l'ho ripreso in mano e riletto o forse letto per davvero per la prima volta. A pagina 6 sapevo già che sarebbe stato il mio prossimo film. Ne ho capito finalmente le parole, le emozioni, i silenzi, le esitazioni, i nervosismi e le imperfezioni dei personaggi. In mia difesa posso dire che quattro anni prima non sono riuscito a capire il lavoro di Jean-Luc Lagarce.

Il tempo aiuta a capire le cose. Anne, come sempre o quasi, aveva ragione».

 

DATA: Mercoledì 01 Marzo 2017
CINEMA: Comunale - Matera
ORARI: 17:30 - 19:35 - 21:40
BIGLIETTO: € 4,00

 
cinergia